FORUM

Benvenuti su questo forum dove si parla di apicoltura e di tutto quello che riguarda il mondo delle api.
Simpleforum: Apicoltura AAAB (Sono presenti 2292 Messaggi)
Invia un Nuovo MessaggioVisualizza : completa   anteprima  intestazioni aggiorna
Pagina 109 di 115  inizio | precedente | successivo | fine
Messaggio
RE: ossalicoAAAB'10 Mar 24, 10:17
Trattamenti ripetuti e ravvicinati con ossalico in soluzione acquosa zuccherata provoca morie delle api adulte. Meglio il metodo sublimato

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Salve.
Volevo chiedervi, se facendo il trattamento con l'ossalio anche in presenza di covata si rischia di compromettere la stessa o causare qualche altro danno alla famiglia.
Grazie.
Messaggio
RE: RE: ossalicoMarco'10 Mar 24, 11:01
In cosa consisteil metodo sublimato?

-------- Messaggio Originale --------
Trattamenti ripetuti e ravvicinati con ossalico in soluzione acquosa zuccherata provoca morie delle api adulte. Meglio il metodo sublimato

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Salve.
Volevo chiedervi, se facendo il trattamento con l'ossalio anche in presenza di covata si rischia di compromettere la stessa o causare qualche altro danno alla famiglia.
Grazie.
Messaggio
RE: RE: RE: ossalicoAAAB'10 Mar 24, 17:06

Sono apparecchi che riscaldano l'acido ossalico fino al punto di"sublimazione", ovvero termine chimico per definire il cambio di stato di un elemento dallo stato solido a quello gassoso.
Il gas é introdotto negli alveari che si saturano, cristallizza raffreddandosi e provocando la caduta delle varroe. Il gas é molto irritante e non deve essere respirato.

AAAB
-------- Messaggio Originale --------
In cosa consisteil metodo sublimato?

-------- Messaggio Originale --------
Trattamenti ripetuti e ravvicinati con ossalico in soluzione acquosa zuccherata provoca morie delle api adulte. Meglio il metodo sublimato

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Salve.
Volevo chiedervi, se facendo il trattamento con l'ossalio anche in presenza di covata si rischia di compromettere la stessa o causare qualche altro danno alla famiglia.
Grazie.
Messaggio
telaio T.I.Tdaniele'10 Mar 23, 06:10
ho letto sul mio libricino che consigliano l'uso del T.I.T che serve per la lotta alla varroa con il sistema di eliminazione dei maschi, sapete qualcosa di piu in merito?
è efficace? dove potrei acquistarlo ho cercato un pò in giro ma non ho trovato nulla...grazie
Messaggio
RE: telaio T.I.TQQQB'10 Mar 23, 18:39
Ci vorrebbe mezza giornata per risponderti. Campero ha perfezionato il metodo di cattura della varroa tramite la costruzione da parte delle api di celle per covata maschile, vedi anche http://www.aaab.it/malattie4.htm
In effetti si tratta di un telaio segnalatore che ha il duplice scopo di mostrare l'andamento della famiglia, il divenire alla sciamatura e la cattura della varroa. E' un semplicissimo telaino da nido vuoto, diviso in con 3 settori verticali, tappati con una tavoletta e che vengono concessi man mano alle api, segnalando la capacità di costruire cera , di costruire celle da fuchi e catturare varroa man mano che le celle sono opercolate, disopercolandole ed estraendo le larve e la varroa contenute ion esse. Leggiti il libro di Campero "lotta biomeccanica alla Varroaé/

Ciao

Paolo per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
ho letto sul mio libricino che consigliano l'uso del T.I.T che serve per la lotta alla varroa con il sistema di eliminazione dei maschi, sapete qualcosa di piu in merito?
è efficace? dove potrei acquistarlo ho cercato un pò in giro ma non ho trovato nulla...grazie
Messaggio
RE: RE: telaio T.I.Tdaniele'10 Mar 24, 15:11
ti ringrazio molto mi stò interessando molto a quesa tecnica...
-------- Messaggio Originale --------
Ci vorrebbe mezza giornata per risponderti. Campero ha perfezionato il metodo di cattura della varroa tramite la costruzione da parte delle api di celle per covata maschile, vedi anche http://www.aaab.it/malattie4.htm
In effetti si tratta di un telaio segnalatore che ha il duplice scopo di mostrare l'andamento della famiglia, il divenire alla sciamatura e la cattura della varroa. E' un semplicissimo telaino da nido vuoto, diviso in con 3 settori verticali, tappati con una tavoletta e che vengono concessi man mano alle api, segnalando la capacità di costruire cera , di costruire celle da fuchi e catturare varroa man mano che le celle sono opercolate, disopercolandole ed estraendo le larve e la varroa contenute ion esse. Leggiti il libro di Campero "lotta biomeccanica alla Varroaé/

Ciao

Paolo per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
ho letto sul mio libricino che consigliano l'uso del T.I.T che serve per la lotta alla varroa con il sistema di eliminazione dei maschi, sapete qualcosa di piu in merito?
è efficace? dove potrei acquistarlo ho cercato un pò in giro ma non ho trovato nulla...grazie
Messaggio
RE: RE: RE: telaio T.I.TAAAB'10 Mar 24, 17:07
Infatti Telaio Indicatore Trappola
AAAB

-------- Messaggio Originale --------
ti ringrazio molto mi stò interessando molto a quesa tecnica...
-------- Messaggio Originale --------
Ci vorrebbe mezza giornata per risponderti. Campero ha perfezionato il metodo di cattura della varroa tramite la costruzione da parte delle api di celle per covata maschile, vedi anche http://www.aaab.it/malattie4.htm
In effetti si tratta di un telaio segnalatore che ha il duplice scopo di mostrare l'andamento della famiglia, il divenire alla sciamatura e la cattura della varroa. E' un semplicissimo telaino da nido vuoto, diviso in con 3 settori verticali, tappati con una tavoletta e che vengono concessi man mano alle api, segnalando la capacità di costruire cera , di costruire celle da fuchi e catturare varroa man mano che le celle sono opercolate, disopercolandole ed estraendo le larve e la varroa contenute ion esse. Leggiti il libro di Campero "lotta biomeccanica alla Varroaé/

Ciao

Paolo per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
ho letto sul mio libricino che consigliano l'uso del T.I.T che serve per la lotta alla varroa con il sistema di eliminazione dei maschi, sapete qualcosa di piu in merito?
è efficace? dove potrei acquistarlo ho cercato un pò in giro ma non ho trovato nulla...grazie
Messaggio
bee boostsaverio'10 Mar 16, 22:41
Ma quanto dura l’effetto del Bee Boost? Lo stesso pezzetto può essere utilizzato più volte? Il feromone sintetico è all’interno del tubicino che quindi non crea problemi di contaminazione nella manipolazioni?
Messaggio
RE: bee boostAAAB'10 Mar 17, 10:13
Il supporto di Bee Boost ha lo scopo di consentire il lento rilascio dell'ormone mandibolare sintetico. Tutto il supporto é impregnato, ma solo la superficie ne permette il rilascio. La durata ideale sia aggira sui 45-60 giorni (ma dipende dallo scopo e uso), un supporto ormai esausto per il controllo della sciamatura può essere ancora utile per la coesione di sciametti di fecondazione, che non hanno bisogno di grosse quantitità di ormone, anzi...
E' consigliabile non toccare il supporto poiché se ne modifica temporaneamente l'esalazione, specie se si toccano in seguito regine che potrebbero essere soppresse dalla famiglia.

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Ma quanto dura l’effetto del Bee Boost? Lo stesso pezzetto può essere utilizzato più volte? Il feromone sintetico è all’interno del tubicino che quindi non crea problemi di contaminazione nella manipolazioni?
Messaggio
RE: RE: bee boostsaverio'10 Mar 18, 17:37
Il rilascio avviene solo quando è dentro l’alveare oppure inizia al momento dell produzione del bee boost? Se io ne uso alcuni interi per due settimane dentro gli alveari e poi li tolgo e li tengo fermi chiusi per due mesi, mi devo aspettare che i bee boost siano ancora al 25% del loro consumo? E comunque come si fa capire quando sono in fase di esaurimento?

-------- Messaggio Originale --------
Il supporto di Bee Boost ha lo scopo di consentire il lento rilascio dell'ormone mandibolare sintetico. Tutto il supporto é impregnato, ma solo la superficie ne permette il rilascio. La durata ideale sia aggira sui 45-60 giorni (ma dipende dallo scopo e uso), un supporto ormai esausto per il controllo della sciamatura può essere ancora utile per la coesione di sciametti di fecondazione, che non hanno bisogno di grosse quantitità di ormone, anzi...
E' consigliabile non toccare il supporto poiché se ne modifica temporaneamente l'esalazione, specie se si toccano in seguito regine che potrebbero essere soppresse dalla famiglia.

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Ma quanto dura l’effetto del Bee Boost? Lo stesso pezzetto può essere utilizzato più volte? Il feromone sintetico è all’interno del tubicino che quindi non crea problemi di contaminazione nella manipolazioni?
Messaggio
RE: RE: RE: bee boostAAAB'10 Mar 19, 11:14
Il rilascio inizia al momento dell'apertura. Se li richiudi ermeticamente il rilascio si ferma (quasi). Comunque hanno una scadenza anche se chiusi.

AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Il rilascio avviene solo quando è dentro l’alveare oppure inizia al momento dell produzione del bee boost? Se io ne uso alcuni interi per due settimane dentro gli alveari e poi li tolgo e li tengo fermi chiusi per due mesi, mi devo aspettare che i bee boost siano ancora al 25% del loro consumo? E comunque come si fa capire quando sono in fase di esaurimento?

-------- Messaggio Originale --------
Il supporto di Bee Boost ha lo scopo di consentire il lento rilascio dell'ormone mandibolare sintetico. Tutto il supporto é impregnato, ma solo la superficie ne permette il rilascio. La durata ideale sia aggira sui 45-60 giorni (ma dipende dallo scopo e uso), un supporto ormai esausto per il controllo della sciamatura può essere ancora utile per la coesione di sciametti di fecondazione, che non hanno bisogno di grosse quantitità di ormone, anzi...
E' consigliabile non toccare il supporto poiché se ne modifica temporaneamente l'esalazione, specie se si toccano in seguito regine che potrebbero essere soppresse dalla famiglia.

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Ma quanto dura l’effetto del Bee Boost? Lo stesso pezzetto può essere utilizzato più volte? Il feromone sintetico è all’interno del tubicino che quindi non crea problemi di contaminazione nella manipolazioni?
Messaggio
api e nevebirillo'10 Mar 16, 21:46
In questi giorni visitando gli alveari che sono circondati ancora da una variabile coltre di neve, si vedevano tante api morte davanti a tutti gli alveari. La maggioranza delle api morte erano bottinatrici con evidenti gambine colme di polline. Erano cioè api che avevano bottinato per non so quanto tempo ed erano andate a morire a 50 cm dal predellino. Ma è la normalità?
Messaggio
RE: api e neveAAAB'10 Mar 17, 09:57
La morte delle bottinatrici intirizzite dal freddo diventa più evidente con la neve, altrimenti rimarrebbero confuse nell'erba.
Controlla sempre il ronsio delle famiglia rimanga normale e non rilevi anomalie e soppesa le arnie per "capire" se vi sono ancora sufficienti scorte.

Albero per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
In questi giorni visitando gli alveari che sono circondati ancora da una variabile coltre di neve, si vedevano tante api morte davanti a tutti gli alveari. La maggioranza delle api morte erano bottinatrici con evidenti gambine colme di polline. Erano cioè api che avevano bottinato per non so quanto tempo ed erano andate a morire a 50 cm dal predellino. Ma è la normalità?
Messaggio
idromelematteo ottoboni'10 Mar 16, 20:02
visto che abbiamo un esperto nella produzione di irdomele ne approfitto per chiedere qualche piccolo consiglio per produrre per consumo personale qualche bottiglia di idromiele... ricetta, linee guida,..
Messaggio
RE: idromeleAAAB'10 Mar 17, 09:55
Rinviamo alla pagina delle ricette a base di miele http://www.aaab.it/ricette.htm

Consigliamo l'uso di un gorgogliatore per evitare l'acidificazione del "mosto".
L'esperienza si acquisisce provando e riprovando, adattando al proprio gusto.

Paolo per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
visto che abbiamo un esperto nella produzione di irdomele ne approfitto per chiedere qualche piccolo consiglio per produrre per consumo personale qualche bottiglia di idromiele... ricetta, linee guida,..
Messaggio
apistanmatteo.ottoboni'10 Mar 15, 14:21
salve a tutti, vorrei fare il trattamento primaverile con strisce apistan, ma ho solo una cassa. visto che a quanto pare la confezione di strisce apistan è solo in formato 10 strisce mi scoccierebbe buttare via le rimanenti 7-8, cosa mi consigliate di fare?
Messaggio
RE: apistanAAAB'10 Mar 15, 16:19
Usualmente i trattamenti sono:

estivi detti di tampone;
autunno/invernali detti di pulizia.

I trattamenti primaverili sono auspicabili solo con una elevata caduta naturale di acari (sintomo di forte infestazione) al fine di evitare un collasso della famiglia, sapendo che sono meno efficaci dato che la varroa é nella covata.
Inoltre la varroa ha presentato resistenza al fluvalinate.

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
salve a tutti, vorrei fare il trattamento primaverile con strisce apistan, ma ho solo una cassa. visto che a quanto pare la confezione di strisce apistan è solo in formato 10 strisce mi scoccierebbe buttare via le rimanenti 7-8, cosa mi consigliate di fare?
Messaggio
RE: RE: apistanAAAB'10 Mar 16, 16:14
Comunque, se vuoi conservarlo é bene mantenerlo nell'involucro originale, richiuderlo con scoth tipo imballaggio e conservarlo in un secondo sacchetto tipo ziplock in frigo.

AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Usualmente i trattamenti sono:

estivi detti di tampone;
autunno/invernali detti di pulizia.

I trattamenti primaverili sono auspicabili solo con una elevata caduta naturale di acari (sintomo di forte infestazione) al fine di evitare un collasso della famiglia, sapendo che sono meno efficaci dato che la varroa é nella covata.
Inoltre la varroa ha presentato resistenza al fluvalinate.

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
salve a tutti, vorrei fare il trattamento primaverile con strisce apistan, ma ho solo una cassa. visto che a quanto pare la confezione di strisce apistan è solo in formato 10 strisce mi scoccierebbe buttare via le rimanenti 7-8, cosa mi consigliate di fare?
Messaggio
RE: RE: RE: apistanmatteo ottoboni'10 Mar 16, 19:56
appunto per detti fenomeni di resistenza mi ponevo il problema di come conservarlo e reimpiegarlo almeno a distanza di un anno, facendo durante la stagione i classici interventi tampone e di pulizia totale con ossalico e timolo... grazie per i consigli.

-------- Messaggio Originale --------
Comunque, se vuoi conservarlo é bene mantenerlo nell'involucro originale, richiuderlo con scoth tipo imballaggio e conservarlo in un secondo sacchetto tipo ziplock in frigo.

AAAB

-------- Messaggio Originale --------
Usualmente i trattamenti sono:

estivi detti di tampone;
autunno/invernali detti di pulizia.

I trattamenti primaverili sono auspicabili solo con una elevata caduta naturale di acari (sintomo di forte infestazione) al fine di evitare un collasso della famiglia, sapendo che sono meno efficaci dato che la varroa é nella covata.
Inoltre la varroa ha presentato resistenza al fluvalinate.

Giovanni per AAAB

-------- Messaggio Originale --------
salve a tutti, vorrei fare il trattamento primaverile con strisce apistan, ma ho solo una cassa. visto che a quanto pare la confezione di strisce apistan è solo in formato 10 strisce mi scoccierebbe buttare via le rimanenti 7-8, cosa mi consigliate di fare?
Messaggio
RE: RE: RE: RE: apistanApicultore'10 Mar 24, 09:47
Mi permetto di segnalare che visti la tempistica del trattamento (alcune settimane) e il tempo di carenza del fluvalinate (svariate settimane) legalmente in primavera l'apistan dovrebbe essere fatto solo su famigle che non vanno in produzione nell'anno
Visit Livio.net for more OpenSource ProjectsPowered by SimpleForum V2.0