L'IMPORTANZA DEL POLLINE NELLA SALUTE DELLE FAMIGLIE E DELLA COVATA

Il polline é l'unica fonte di proteine che entra nella nutrizione della covata e delle api. Infatti la pappa reale nulla é che polline trasformato dalle api stesse. La presenza di polline e la sua raccolta é dunque fondamentale per un corretto allevamento delle larve. Ogni pianta ha un polline differente, con tassi di proteine che vanno dal 7%  al 37%  e una serie di vitamine e sali minerali assai differenziato. Le api conservano il polline stoccandolo nei favi e provocandone una fermentazione  "lattica" che ne prolunga la conservazione e aumenta la digeribilitą, cosa che non é  per il polline raccolto dall'apicoltore sul predellino.

Raccogliere polline, in alcuni casi favorisce la famiglia, che altrimenti stoccherebbe polline in eccesso, privandosi di spazio sui favi per la covata. Questi favi ricchi di polline stoccato in eccesso possono essere congelati e riconcessi in momenti di carestia. Eccedere nel raccogliere polline é altrettanto deleterio, infatti non si dovrebbe sottrarre mai oltre il 15-20% del polline raccolto, controllando la disponibilitą all'interno del nido.

invert50-550.jpg

 

La mancanza o scarsitą di polline provoca cannibalismo sulle larve di fuchi e poi di operaia, che si manifesta con covata a scacchiera. Inoltre le larve con carenze alimentari hanno vita pił corta, le famiglie hanno difficoltą nel mantenere una temperatura di 35 gradi della covata nelle 48 ore di trasformazione in ninfe, provocando deformazioni tra l'intestino e l'ampolla rettale, con lo sviluppo di miceli e malattie fungine, tali la covata calcificata o pietrificata, ma anche peste europea.

In caso di necessitą e in mancanza di favi di polline é possibile fornire alimentazione proteiche con 50% di polline e 50% di lievito di birra micronizzato e inattivato, miscelato con poca acqua e miele tiepido. La distribuzione é da effettuare come il candito, eventualmente accompagnato da sciroppo  stimolante la deposizione e raccolta di polline.