TECNICA APISTICA  
bee.jpg (3851 byte) BIOLOGIA DELL'APE L' ape vive in ogni continente ad eccezioni delle estreme regioni polari. E' costituita da un esoscheletro chitinoso. A livello delle articolazioni l’involucro rimane elastico e sottile. All’interno si trovano numerosi organi con diverse funzioni vitali non ancora completamente noti. Il corpo  si suddivide in tre partii : testa, torace, addome.

All’interno della testa si trovano gli organi di senso e la parte iniziale del tubo digerente nonché le ghiandole ipofaringee e mandibolari necessarie per la secrezione della pappa reale.

La bocca fornita di due mandibole per plasmare la cera. Inoltre ha una ligula  che serve ad aspirare il nettare e l’acqua. La lunghezza della ligula può variare  da 5,5 mm a 7. La ligula dei fuchi è molto più corta di quella delle operie e non é adatta a bottinare .

Tre anelli formano il torace. Su ogni anello si articolano un paio di zampe mentre sul secondo e terzo anello sono articolate due paia di ali membranose. All’interno del torace si trova l’esofago, i sacchi aerei in comunicazione da un lato con diversi organi (ali e zampe) e dall’altro tramite le trachee con l’esterno, i muscoli verticali necessari ad azionare le ali.

Le  tre paia di zampe hanno compiti definiti. Quelle anteriori sono munite di un intaglio a lunotto per pulire le antenne, le intermedie sono munite di uno sperone per staccare le pallottole di polline delle cestelle, le  posteriori sono munite di cestelle dove viene  trasportato il polline .

Sette anelli formano l'addome dell'ape. Sull'ultimo anello si trova il pungiglione , i maschi ne sono sprovvisti. Le ghiandole velenifere, una alcalina l’altra acida che hanno la funzione di secernere il veleno che viene accumulato nella vescichetta velenifera, che comunica col pungiglione.  Le ghiandole ceripare sono nella parte inferiore dell'addome .

L’addome contiene vari organi. La vescica melaria, nelle quale   raccolgono il nettare e l’acqua. Una  parte passa nello stomaco come alimento dell'ape.L’intestino con funzioni digestive. Quello posteriore al suo estremo ha  l’ampolla rettale dove si accumulano le deiezioni e vengono trattenute anche per diverse settimane . Il sistema circolatorio distribuisce l’emolinfa necessaria ad alimentare tutti gli organi.

       le misure  delle varie celle covata

Le regine sono dotate di organi riproduttori (non atrofizzati come nelle operaie) costituiti da due ovari piriformi a loro volta formati da  ovarioli   dove si formano e maturano le uova prima della loro emissione. L’uovo che dà nascita ad un’operaia o  una regina viene fecondato dagli spermatozoi, quando invece deve dar luogo ad un fuco esso passa senza ricevere gli spermatozoi ( partenogenesi).
Due testicoli, due vescichette seminali e l’apparato copulatore (che si strappa all’atto della fecondazione della regina) formano l'apparato riproduttore del fuco.

   

In questa esemplificazione si veda la correlazione del numero di api presenti nella famiglia , durante le stagioni e la correlazione tra potenziale mellifero e raccolto  reale delle famiglie.

 

Mansioni svolte dalle api nell'alveare in base alla loro età

dal 1° giorno
dal 4° giorno
dal 6° giorno
dal 12° giorno
dal 17° giorno
dal 21° giornoi
spazzine, ripulitura celle
nutrici con polline e miele alle larve di oltre 3 giorni
nutrici con pappa reale alle larve di meno di 3 giorni
magazziniere  stoccaggio alimenti , ventilatrici, pulitrici e necrofore , soldato controllo entrata alveare
ceraiuole 
bottinatrici